GANDINO – “Basta pensare alle frivolezze, che fine ha fatto il Centro Diurno che avevamo proposto?”

85

La Lega si prepara alle elezioni, e lo fa rilanciando una proposta che era uno dei cavalli di battaglia della Lega di 20 anni fa e cioè un Centro Diurno Integrato. “Circa 20 anni fa, l’Amministrazione della Lega Nord – spiega Marco Ongaro, segretario sezione Roberto Bosio Lega Valgandino  – portò avanti un progetto di lungo respiro che prevedeva la realizzazione di una nuova RSA (inaugurata nel 2006) per 150 ospiti in luogo di quella esistente non più rispondente alle moderne esigenze previste dalla normative ASL/Regione Lombardia; di un Centro Diurno Integrato (CDI) per 10/15 persone e della riconversione degli alloggi prospicenti il centro storico di Gandino in struttura protetta con caratteristiche e destinazione prevalente socio-sanitaria, con una capienza di circa 30 posti letto. Posto che la Casa di Riposo operò scelte in piena autonomia per la realizzazione della RSA, il Comune di Gandino avrebbe potuto realizzare una struttura per l’erogazione di servizi semi-residenziali con prestazioni ad elevato contenuto socio-sanitario finalizzate in termini più generali a migliorare la qualità di vita degli anziani evitandone o ritardandone il ricovero in una struttura residenziale…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 15 APRILE

pubblicità