GANDELLINO – Il caso dell’asilo negato. L’appello del sindaco Flora Fiorina a tutti i sindaci dell’Alta Valle Seriana

Nello scorso mese di gennaio, l’Istituto Comprensivo (ex-Direzione Didattica)

“Sorelle de Marchi” di Gromo ha accettato l’iscrizione presso le scuole dell’infanzia di Gandellino dei bambini nati dopo il 30/04/2017, cioè al di sotto dei 3 anni, sulla base di una delibera regionale del 2016 secondo la quale i paesi d’alta montagna potevano derogare alle norme vigenti in materia. Senonché, alla fine di maggio, il Dirigente ha inviato una comunicazione dicendo che l’iscrizione non poteva essere più accettata poiché il 7/11/2018 era stata emanata una circolare ministeriale che risultava in contrasto con D.G.R. Regione Lombardia del 20/06/2016 relativa ai comuni montani. Questo perché il decreto che prevedeva deroghe per l’assegnazione del personale non aveva trovato attuazione, in altre parole non valeva, per l’Alta Valle Seriana.

Come spiega il sindaco Flora Fiorina “l’accettazione dell’iscrizione dei bimbi nati dopo il 30/4/2017 aveva creato una grossa soddisfazione nei residenti perché la scuola di Gandellino, oltre a essere perfettamente idonea e capiente per ospitare fino a 50 bambini, risulta essere un punto di riferimento importante già da molti anni anche per i comuni limitrofi.

Il territorio è privo di un asilo nido che dia la possibilità alle mamme che lavorano di lasciare i bambini in assoluta sicurezza e questa scelta poteva essere una buona soluzione”…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 28 GIUGNO