Frana di Tavernola, l’assessore regionale Foroni: “Monitoriamo la situazione, la sicurezza della popolazione è il primo obiettivo”

L’assessore regionale al Territorio e Protezione civile Pietro Foroni ha effettuato oggi un sopralluogo alla frana nella zona di Tavernola Bergamasca, che rischia di causare – nel caso si riversasse nel Sebino – una vera e propria onda anomala.

“Stiamo aspettando i due studi dei professionisti incaricati, – ha detto oggi Foroni – a partire da quello del professor Nicola Casagli, ordinario di geologia applicata, mentre entro fine settimana è atteso il secondo dal geologo incaricato dalla Comunità Montana dei Laghi bergamaschi. Solo dopo ulteriori valutazioni decideremo come intervenire, abbiamo assicurato da subito massima disponibilità agli amministratori locali, a tutela di tutti i residenti”.

“E’ da giorni che stiamo monitorando in maniera attenta tutta la situazione – ha aggiunto Foroni -. Ho voluto che su questa vicenda fosse coinvolta la Protezione civile nazionale. Sabato c’è stato un sopralluogo in elicottero con i tecnici del mio assessorato e gli esperti del dipartimento nazionale per fare il punto. In attesa dei risultati dello studio, è nostro compito mettere in sicurezza la popolazione, se la situazione dovesse aggravarsi”.

“Non ci sono elementi specifici a riguardo, ma se dovesse verificarsi l’ipotesi peggiore – ha chiarito Foroni – dovremo mettere in sicurezza tempestivamente la popolazione. Le case più a ridosso e il cementificio sono stati evacuati. Il comune di Monte Isola ha evacuato una parte della popolazione in una frazione che poteva essere a rischio nel caso di uno tsunami. Sulla frana è posizionato un radar, nei prossimi giorni potremo fare una valutazione sul rischio allarme”.

“Obiettivo oggi – ha concluso – è mettere in sicurezza la popolazione”.