FIORANO – 180 partecipanti, uscite a piedi, gite attività di laboratorio. Il Comune ha dimezzato il costo delle rette

“Anche quest’anno organizzare il CRE estivo era indispensabile per regalare momenti di spensieratezza, di libertà e di crescita interpersonale ai bambini e ai ragazzi, per offrire loro la possibilità di vivere l’estate in un contesto divertente, sereno e nel contempo attento ai bisogni dei singoli” Così Monica Pirovano, assessore alle Politiche Sociali del Comune.

“Il parroco don Gimmispiega Pirovano – coadiuvato da Francesca Magni e dal gruppo di giovani che durante gli anni hanno svolto un percorso formativo con lui, ha pensato  il progetto estivo 2021 seguendo le nuove direttive delle linee guida. Nonostante l’emergenza Covid19 sembri meno pressante e preoccupante, essa è pur sempre presente, per questo aree e spazi disponibili hanno garantito il distanziamento interpersonale di almeno un metro e l’utilizzo di dispositivi di dispositivi quali le mascherine per svolgere le attività in sicurezza”. Il CRE 2021 è iniziato il 28 giugno e si conclude oggi, il 23;  è stato denominato HURRA’,   esclamazione di gioia e di entusiasmo m anche grido collettivo di ‘liberazione’ e di incitamento, dopo il brutto periodo attraversato. I partecipanti sono stati 180: bambine, bambini, ragazze e  ragazzi, divisi in 12 ‘bolle’, guidati da 15 responsabili aiutati da circa 50 adolescenti.  “La nostra Amministrazione, fortemente convinta del valore socio-educativo del CRE, ha messo a disposizione fondi  per contenere le rette e nel contempo garantire esperienze ludico-educative e socializzanti significative in un luogo spensierato ma sicuro. Gli spazi utilizzati sono stati quelli dell’oratorio di Fiorano al Serio e di Semonte…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 23 LUGLIO