FINO DEL MONTE – Giulio, 40 anni, due figli, tre cani: “Sono cresciuto nell’edilizia, la domenica dedicata alla caccia, credo di avere litigato due volte in vita mia…”

1041

È una mattinata di fine gennaio, il sindaco Giulio Scandella è arrivato presto in Municipio, il mercoledì è uno dei giorni dedicati al Comune. L’agenda piena di impegni, sono giorni frenetici ma “ci possiamo sentire tra le 10,15 e le 10,45 poi ho una commissione”. 

Classe 1981, 40 anni, segno zodiacale Vergine, finese doc: “Faccio i 41 il 7 settembre e sì, sono originario di Fino, così come i miei genitori, mamma Quinta e papà Edoardo. E poi ho una sorella, più piccola di me di due anni, Elisa. Ho fatto le superiori al Fantoni, a Clusone, geometra. Sono un libero professionista, ho uno studio tecnico a Onore, insomma in due minuti posso essere in Comune… sono piuttosto comodo se devo fare un salto (sorride, ndr). Sono cresciuto nel mondo dell’edilizia, mio papà faceva il muratore, e quindi ero un predestinato (ride, ndr), la mia strada non poteva che essere questa. Riesco a gestire il lavoro e l’impegno da sindaco piuttosto bene, che io sia in ufficio o in Municipio, il computer è sempre collegato e rispondo a mail e telefono a prescindere dal luogo in cui mi trovo, sicuramente essere un libero professionista mi aiuta parecchio”.

Ed è proprio questo uno dei motivi per cui è iniziato anche il percorso amministrativo: “Mi sono appassionato al mondo dell’amministrazione nel 2009, sono stato eletto consigliere comunale nel primo mandato di Matteo Oprandi. Mi ha sempre attirato la gestione di un Comune, lavorando come tecnico sui lavori pubblici sono sempre stato in contatto con molte amministrazioni, ma certo, amministrare è una cosa ben diversa. Gli altri settori che ruotano attorno al Comune non li conoscevo anche se dal 2009 ad oggi, ho avuto modo di conoscerli tutti in modo più approfondito. Ho fatto cinque anni da consigliere, poi cinque anni da assessore (all’Edilizia Privata ed Opere Pubbliche, ndr) e poi la scelta di candidarmi a sindaco… come l’hanno presa a casa? Abbastanza bene, mi hanno sempre supportato…

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 4 FEBBRAIO

pubblicità