FINO DEL MONTE – DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO DOWN, LA FAMIGLIA PROVERA SI E’ ALLARGATA PER ACCOGLIERNE UN ALTRO Loredana e la storia di una famiglia che si è fatta in quattro per la solidarietà

179

 

 

All’inizio i pianti, poi la gioia per ogni conquista di Andrea ci ha dato il desiderio di accogliere Alessandro. Con gli scout e nello sport mi regalano grandi soddisfazioni. Siamo una famiglia felice: questa fortuna ci ha unito. Ai genitori dico di non arrendersi ed essere combattivi”

Atipica domenica di metà giugno. Cielo cupo. Pioggia sottile che a ritmi irregolari bagna corpi e anime. Loredana è sull’uscio di casa. Un sorriso sincero e accogliente. E’ a casa da sola perché il marito Roberto Provera e i figli Andrea e Alessandro sono a Macerata per i campionati nazionali di atletica leggera per disabili. Loredana è la protagonista di una storia in cui lo spirito di solidarietà e accoglienza di fronte ai problemi anziché venir meno, raddoppia. Loredana, originaria come il marito di Milano ma residente da ventitré anni a Fino del Monte, è madre di due figlie femmine e due maschi, entrambi affetti da sindrome di down, di cui uno accolto per scelta dalla famiglia.

Le mie prime due figlie sono nate negli anni ‘78 e ’80 – inizia a raccontare Loredana – venivamo da tempo in vacanza a Onore, la zona ci piaceva e allora ventitré anni fa, quando io ero ormai prossima alla pensione, abbiamo deciso di trasferirci qui a Fino del Monte, dove le mie figlie avevano già diverse amicizie”. Poi nell’anno 1992 arriva una svolta nella vita di Loredana e della sua famiglia. Uno di quei colpi che spesso abbatte e divide, ma che nel caso di questa famiglia è stato l’inizio di una vita diversa. “Nel ’92 all’ospedale di Clusone è nato il terzogenito Andrea, affetto da sindrome di down. Solo alla nascita abbiamo saputo che avrebbe avuto problemi perché non avevo fatto nessun accertamento prima: io sono contraria all’aborto e sono per il diritto alla vita, quindi non mi interessava sapere cosa ci fosse”.

Loredana ricorda l’impatto della nascita del figlio affetto da sindrome di down sulla sua famiglia…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 19 GIUGNO

pubblicità