ENDINE – Zoppetti: “Da novembre scriviamo all’Ats. 1000 pazienti senza un dottore, il rischio di andare a Casazza o Trescore”

575

Il dottor Bruno Sgherzi è andato in pensione il 20 gennaio e ad Endine e Ranzanico, dove ha operato insieme ad altri due colleghi, il sostituto non è ancora stato trovato. La carenza dei medici di base non è un argomento certamente nuovo nelle nostre valli e sta preoccupando non poco le amministrazioni comunali, che non sono però rimaste a guardare.

È infatti iniziata a fine novembre una corrispondenza tra il sindaco Marco Zoppetti e l’Ats, senza trovare però un punto d’incontro.

Abbiamo iniziato a scrivere ad Ats non appena si è presentato il problema – spiega il primo cittadino -. La prima lettera risale al 24 novembre, la seconda l’abbiamo inviata il 16 dicembre e poi l’11 gennaio. Insomma, sono mesi che chiediamo di trovare una soluzione, che secondo il mio punto di vista non è certamente quella di passare dai 1500 ai 2000 assistiti per ogni medico. Se questa è una deroga, allora se ne possono accettare anche altre”.

Una soluzione infatti, seppur temporanea, ci sarebbe: “Come abbiamo comunicato ad Ats, abbiamo ricevuto la disponibilità dal dottor Marco Galeone (è uno Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia dell’apparato digerente che si è trasferito a Ranzanico nel 2019 dopo essere andato in pensione, ndr), professionista che ha sostituito il dottor Sgherzi nel periodo di Covid. C’è però un problema: se il medico di ruolo nomina una persona che supera i 70 anni come nel caso del dottor Galeone, che ne ha più di ottanta, allora questo può essere impiegato, cosa che invece sembra non possa fare Ats.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 21 GENNAIO

pubblicità