Endine I sei bambini sfrattati e la loro famiglia sono alloggiati a Torre Boldone e poi andranno a Bologna, trovato lavoro per il padre. Il sindaco: “Ingiusto attaccarci, gli abbiamo trovato lavoro e non si è mai presentato, né lui, né la moglie”

 

E alla fine la famiglia con i 6 bambini e la nonna sfrattati a Endine andranno a vivere a Bologna. Tutto era cominciato mercoledì 17 febbraio quando c’era stato lo sfratto esecutivo che aveva scatenato le proteste dell’Unione Inquilini e di molta gente del territorio che si era data appuntamento fuori dal Comune e aveva organizzato sit in di protesta per due giorni sino a quando nella serata di venerdì 19 febbraio era stato trovato l’accordo. Uno sfratto senza preavviso: “Perché c’erano già stati due tentativi di sfratto andati male – spiega il sindaco Marco Zoppettii primi due sfratti concordati con l’ufficiale giudiziario e con la proprietà ma non si era riusciti a portarli a termine in quanto si era presentata l’Unione Inquilini a protestare. E così la terza volta lo sfratto è stato fatto a sorpresa. Non c’era altra soluzione”. Sei stato attaccato pesantemente anche sui social network perché sono finiti in strada 6 bambini ad 1 a 12 anni: “Non è colpa mia, da anni non pagavano l’affitto e le abbiamo provate tutte per aiutarli….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 26 FEBBRAIO