ENDINE – Bruno Cantamessa, la famiglia, il lavoro e quel cuore Alpino

Una persona buona, umile, gentile e sempre disponibile. Un esempio di sacrificio, di dedizione, di passione. Bruno Cantamessa a Endine lo ricordano tutti così e così continueranno a tenerlo vicino al cuore. Classe 1936, molto conosciuto per il lavoro nella cava che da generazioni porta il suo cognome e per l’amore incondizionato per la sua famiglia, se n’è andato per sempre in una fredda giornata di gennaio.

L’ha ricordato anche il capogruppo degli Alpini di Endine, Ermanno Sarmenti: “Bruno è stato uno dei padri fondatori insieme al fratello Felice del Gruppo Alpini di Endine, a cui è stato sempre molto legato. Per lui era un punto di riferimento e ha sempre collaborato e contribuito generosamente, sia nella realizzazione della prima sede che quella attuale. Una persona di cuore, sempre disponibile, non ricordo una volta in cui ha detto di no…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 22 GENNAIO