Cresce l’attesa per la 1^ Presolana Race: appuntamento per il 30 e 31 luglio

135

È finita l’epoca del turismo delle seconde case”. Così Migliorati, assessore del comune di Rovetta, ha premesso aprendo il suo discorso. Il turismo degli ultimi anni è infatti sempre più indirizzato alla sostenibilità al rapporto tra natura, ambiente e cura della persona. Lo sport riveste all’interno di questo pacchetto un posto di primaria importanza. Nasce proprio così Presolana Race, un trofeo di mountain bike, con l’obiettivo di lanciare e di far conoscere la zona dell’alta val Seriana al mondo del turismo moderno. L’iniziativa, che si terrà il 30 e il 31 luglio, comprende una competizione di mtb off-road nei paesi alle pendici della Presolana, la quale verrà poi accompagnata da un gruppo di sportivi amatoriali che avranno a disposizione un circuito a loro dedicato.

L’evento è stato anticipato da una conferenza stampa, con presenti l’assessore al turismo di Regione Lombardia Lara Magoni, le autorità locali e rappresentanti di enti, associazioni e gruppi sportivi interessati.

“La mia visita a questo territorio è dovuta alla volontà di vedere come si concretizzano materialmente gli impegni finanziari che la regione lombarda dà per promuovere e aprire nuove vie di sviluppo economico, che vengono proposte alle comunità locali attraverso i bandi. – così dice Lara Magoni – Non si può pensare di governare una realtà vasta, come quella della nostra regione, rimanendo rinchiusi in un ufficio a Milano. Bisogna muoversi, visitare, vedere con i propri occhi e ascoltare da vicino le esigenze del territorio. Questo è il modello vincente. Presolana Race, tornando al tema trattato, ha ricevuto tramite un bando mirato allo sport e al turismo 30’000 €, il massimo della cifra disponibile. Lo sport è ormai binomio con il turismo, al cliente non interessa solo quello che la struttura ricettiva offre, ma anche quello che il territorio ha e propone. L’iniziativa è stata in grado di mettere insieme cinque comuni e due vallate. – concludendo infine aggiunge – La val Seriana e la val di Scalve non hanno nulla da invidiare alle zone più turistiche del panorama italiano”.

“La realtà di Presolana Race è stata una delle prime nella nostra area e anche a livello di innovazione del servizio è sempre stata al passo dei tempi e forse è stata anche avanti rispetto agli standard generali. – aggiunge Forchini, presidente di PromoSerio, l’ufficio turistico unico della val Seriana e della val di Scalve. – La sinergia con il territorio devo ammettere è stata molto forte e si è creato un gruppo di lavoro coeso e fruttuoso. Devo allora ringraziare in particolar modo il gruppo volontari della Presolana, che si sono spesi per la buona riuscita della gara, recuperando i sentieri abbandonati e in pessime condizioni del circondario, uno fra tutti quello che collega il Colle Vareno a Lantana. La questione dei sentieri è fondamentale, perché una volta sistemati rimangono. A questa opera sentieristica si aggiunge il varo in queste giornate dei nuovi ponti ciclabili da parte della comunità montana lungo la val Seriana”

I comuni che sono interessati e che hanno aderito all’iniziativa sono quelli di Onore, Songavazzo, Rovetta, Fino del Monte e Castione della Presolana. “Non si può pensare di muoversi come comuni isolati, ma invece l’unica strada percorribile è quella di presentarsi come territorio omogeneo. -dice Migliorati, assessore del comune di Rovetta – L’iniziativa è stata della nostra amministrazione, ma siamo riusciti ad estenderla e a trovare l’adesione delle altre. Il turismo sportivo è il futuro, il punto su cui incentrarsi nei prossimi anni. La sinergia dei paesi dell’altopiano e della conca della Presolana è la via vincente.”  Anche il vice sindaco di Castione Tomasoni appoggia questa linea di pensiero sostenendo che “è l’unico modo possibile per darci visibilità a livello nazionale e non solo”.

Per quanto riguarda le informazioni tecniche del percorso Claudio Martinelli del gruppo sportivo Martinelli e Maurizio Deho, responsabile tecnico del Presolana Race espongono e commentano dal punto di vista sportivo la gara. “Il percorso predisposto è molto tecnico, ma allo stesso tempo accessibile e fattibile, – sostiene il primo – con cambi di pendenza, discese e salite. Il lavoro per la sua preparazione è stato molto impegnativo, date anche le alte temperature, ma il risultato è ottimale. Sappiamo che questa è la strada da seguire: il binomio sport e turismo.” Mentre il secondo aggiunge: “Le località toccate sono ad esempio Blum, Colle Vareno, Lantana, la val di Tede e Falecchio. I numeri delle iscrizioni, anche se in calo rispetto a prima del covid a causa della rinuncia all’attività agonistica da parte di molti atleti, hanno premiato il nostro impegno, per ora siamo in più di duecento. La provenienza questo anno è prevalentemente regionale, ma abbiamo già avuto contatti con gruppi esterni la Lombardia che probabilmente aderiranno in futuro”.

Sport e salute sono alla base dello sviluppo umano. “L’attività dell’AVIS è finalizzata al sensibilizzare la popolazione all’importanza della cura del nostro organismo. -commenta Paola Poletti dell’AVIS di Rovetta – Questa occasione è fondamentale per promuovere nuovamente questo messaggio e approfitto dell’occasione per lanciare un appello ai giovani di iscriversi alla nostra associazione e di donare il sangue, perché anche nella nostra terra, da sempre prima fra i donatori nazionali, negli ultimi due anni vi è stato un crollo dei prelievi e questo sta portando a carenza di sangue a livello italiano.”

I numeri e in dati della manifestazione agonistica sono questi: 50 km di percorso e 1800 metri di dislivello, con partenza a Rovetta in via Locatelli alle 9.00. Il raduno e-bike invece propone agli iscritti due differenti percorsi: uno di 17 km per le famiglie, che attraverserà i campi di mais rostrato di Rovetta, Songavazzo e Onore, e uno di 50km per gli sportivi, che ricalcherà, eccetto i tratti più difficili, il percorso degli agonisti. Entrambi partiranno da Rovetta dalle 9:45 alle 10:45.

Presso il parco di Rovetta verrà allestito un punto ristoro per le famiglie e gli atleti con Pasta Party, mentre gli sportivi del raduno e-bike potranno pranzare in quota presso il rifugio Magnolini. Accanto alle attività del raduno e della gara, da sabato pomeriggio verrà posizionata a Rovetta nella zona delle piscine un’area expo, con bancarelle, stand sportivi e agonistici. Questa iniziativa fa parte di un ciclo di feste e di sagre che animeranno l’estate del territorio.

pubblicità