COSTA VOLPINO – Patrick e un anno da montagne russe: “Raccolto pc per chi non riusciva a fare la dad. Anziani: è cambiato tutto. Per loro palestra in…tv”

Patrick Rinaldi chiude il decennio da assessore con l’anno del Covid che ha cambiato radicalmente priorità e progetti per i servizi sociali. Detto fatto, in corsa Patrick, che è anche il presidente dell’Ambito dell’Alto Sebino per la Comunità Montana, ha cambiato un po’ tutto, spazio all’assistenza domiciliare agli anziani e altre emergenze: “E’ stata una grossa sfida – commenta Patrick – è stato impegnativo adeguare i 10 Comuni, mandarli avanti nella stessa direzione, condividendo strategie e riscrivendole in base ai bisogni dei cittadini, a giugno a Costa Volpino avevamo già bruciato tutto il budget destinato alla domiciliarità degli anziani. Ci sono delle situazioni che inevitabilmente si sono aggravate e che riguardano la parte dei minori perché le visite protette sono state sospese, c’erano una serie di progetti mirati per la disabilità, abbiamo investito sui Cre per consentire alle scuole materne paritarie di Volpino di erogare i servizi alle famiglie ai più piccoli di mantenere le strutture in difficoltà. Il Grest con la Cooperativa Sebina è costato quasi 40.000 euro ma ci ha permesso di movimentare l’estate dei ragazzi dai 13 anni, e gli animatori sono riusciti ad avviare attività sul territorio come la riverniciatura delle ringhiere. Ci siamo mossi per la scuola che si è trovata a dover affrontare la didattica a distanza, ci siamo attivati per il bonus acquisto dei sistemi informatici, con un post su Instagram abbiamo chiesto a chi aveva pc che non utilizzava ancora funzionati di farceli avere e li abbiamo redistribuiti sul territorio alle famiglie bisognose, nel giro di pochi giorni sono arrivati 8 o 9 pc che abbiamo consegnato a chi non avrebbe altrimenti potuto fare lezioni a distanza”….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 18 DICEMBRE