COSTA VOLPINO – La montagna ‘riscoperta’ di Costa Volpino

Si è svolta domenica in località Cascina Doro a Costa Volpino, ai piedi del Monte Alto, la settima Festa della Montagna organizzata dal gruppo Ana del Comune. Tantissima gente è salita alla chiesetta della Madonna delle Nevi per la tradizionale festa che da ormai sette anni si svolge la prima domenica d’estate. Chi è salito a piedi, chi in jeep, chi in mountain bike, chi da Costa Volpino e chi dal Monte Pora. Qui è stata celebrata la S. Messa a ricordo di tutte le vittime della pandemia e di Gottardo Petenzi (primo benefattore della chiesetta dedicata alla Madonna delle Nevi).

Toccante la celebrazione eucaristica presieduta da Don Angelo Bonardi a ricordo di tutte le persone che ci hanno lasciato dall’inizio della pandemia e la lettura della “Preghiera dell’Alpino” che ha commosso molti dei presenti. Il Coro “La Pineta” e il corpo musicale di Costa Volpino hanno partecipato alla manifestazione rendendo unica la mattinata.

Autorità civili e militari erano presenti insieme al presidente della sezione ANA di Bergamo Giorgio Sonzogni, che nel suo intervento ha ricordato l’importanza del volontariato alpino e non all’interno di una comunità.

Un’occasione per il sindaco Mauro Bonomelli anche per fare il punto sul lavoro fatto nel corso del suo mandato su quella zona.

Ricordo ancora quando sono stato qui 10 anni fa: c’erano i ruderi della malga, non c’erano strade e ovviamente nemmeno la chiesetta degli Alpini. Ci eravamo presi un impegno ben preciso: investire qui per far scoprire (o riscoprire) ai cittadini di Costa Volpino la meraviglia di queste montagne, realizzando spazi che potessero rimanere nel cuore delle gente. Il percorso è stato lungo e complicato, ma alla fine ci siamo riusciti: quello che troviamo oggi qui è uno spazio fruibile, utilizzato a pascolo da un giovane e bravo alpeggiatore e con un chiesetta come luogo di riflessione in un contesto mozzafiato che guarda sul lago d’Iseo. Mi permetto di ringraziare tutte le persone che hanno creduto nelle possibilità di questo progetto: non era scontato raggiungere questo grande traguardo. Questo dimostra che se tutta la comunità crede in un progetto, questo progetto è forte e cresce. Quello che abbiamo visto qui oggi ne è la dimostrazione.“…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 2 LUGLIO