CONSORZIO VAL CAVALLINA – L’ex Monasterola? Spazio al Centro Diurno Disabili e a un appartamento per 2 o 3 profughi – Il presidente del Consorzio: “Vanno fatte alcune valutazioni. Dobbiamo anche decidere se ristrutturare l’edificio o abbatterlo e ricostruirlo”

163

Ogni tanto in Val Cavallina, specialmente nella zona del Lago di Endine, si torna a parlare dell’ex Monasterola, l’antico ristorante che è ormai abbandonato da anni. Il proprietario dell’edificio, il Consorzio Servizi Valcavallina, da anni sta riflettendo sul possibile utilizzo della struttura. E, su questo fronte, c’è qualche novità. Ne parliamo con il presidente Sergio Zappella, sindaco di Casazza (del Consiglio di Amministrazione fanno parte anche il sindaco di Ranzanico Renato Freri, il sindaco di Vigano San Martino Alfredo Nicoli, il sindaco di Carobbio degli Angeli Giuseppe Ondei e il consigliere delegato del Comune di Endine Gaiano Paola Ilaria Venturin).

Grosse novità non ci sono – spiega Zappella – stiamo però valutando il discorso dal punto di vista tecnico perché dobbiamo capire se è più conveniente procedere con la ristrutturazione dell’edificio esistente, oppure se è meglio abbatterlo e ricostruirlo. Però, prima di fare un progetto dobbiamo fare le nostre valutazioni”.

Una volta ristrutturata, oppure abbattuta e ricostruita, cosa ne farete dell’ex Monasterola? “La linea è di recuperarla e spostare lì il Centro Diurno Disabili che attualmente è al centro Zelinda di Trescore, ma stiamo ancora valutando. Verrebbero anche ricavati due o tre appartamenti da destinare a ‘sollievo’ per disabili. C’è poi un bando che scade a giugno legato al discorso dei profughi; si potrebbe realizzare un appartamentino per due o tre persone. Però, voglio ancora sottolineare che si tratta di idee, al momento non c’è nessun progetto. Abbiamo affidato l’incarico ad uno Studio, ma prima di fare un vero e proprio progetto preliminare si devono fare tutte le valutazioni del caso”.

La Monasterola è stata in passato uno degli storici ristoranti di Monasterolo. La ‘telenovela’ dell’ex Monasterola è cominciata nel 2007, quando l’allora Comunità Montana di Valle Cavallina l’aveva acquistata da privati per un importo di 1.625.000 euro. Ai fini dell’acquisizione dell’immobile, uno Studio di Clusone era stato incaricato della redazione della necessaria perizia estimativa giurata ed asseverata…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 3 GIUGNO

pubblicità