COLZATE – Recuperata in un libro la memoria di don Giovanni Carrara, una delle 24 vittime del mitragliamento del treno all’altezza del paese nel 1945

136

All’altezza di Colzate, lungo la pista ciclopedonale, c’è il monumento che ricorda le 24 vittime del mitragliamento del treno avvenuto il 29 gennaio 1945 sulla ferrovia della Val Seriana: opera dell’artista Francesco Lussana, consta di 24 pali di colore rosso, uno per ogni vittima, disposti in modo da richiamare l’idea di un vagone ferroviario insanguinato. Ad essi è affiancato un pannello che riporta la descrizione del tragico episodio.

Di questo doloroso avvenimento avevamo parlato a lungo sul nostro giornale raccogliendo le testimonianze di alcuni superstiti, ma il mitragliamento causò altre 26 vittime nei giorni successivi e l’ospedale di Gazzaniga, le case di Vertova e Colzate, ogni spazio, ogni chiesa in quel periodo vennero occupati dai feriti, dai morti, da chi cercava i propri cari.

Proprio ad una delle vittime è dedicato un libro a cura di Aurora Cantini di recente pubblicazione in cui si racconta la storia di don Giovanni Carrara di Amora Bassa, musicista, compositore, Maestro del Coro di Sant’Alessandro a Bergamo e Rettore del Conventino, sacerdote di elevata spiritualità e da tanti ritenuto santo. …

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 18 MARZO

pubblicità