COLZATE – INTERVENTO – “Avete fatto le misure con un metro rotto? Se ci aveste ascoltato…”

A seguito dei lavori di sistemazione della viabilità pedonale e carrale del tratto di strada tra via Bonfanti compreso tra la via D. di Sangue e Via Roma la minoranza di Colzate “Uniti per Colzate” nel Consiglio Comunale che si è svolto il 15/05/2021, dopo aver presentato ben 3 interpellanze datate 15/03/2021 prot. 1185, 18/03/2021 prot. 1257, 10/05/2021 prot. 2080, e non avendo avuto in merito risposte, ma solo un generico “abbiamo inviato copia dell’interpellanza al Direttore Lavori e all’Ufficio Tecnico” nella seduta del 15/05/2021 ha dato lettura alle osservazioni riguardo i lavori effettuati, di seguito riportiamo la comunicazione: “I Consiglieri, rappresentanti, il gruppo di minoranza ‘Uniti per Colzate’, vogliono regalare in modo simbolico questo metro ai consiglieri di maggioranza e soprattutto all’assessore dei lavori pubblici Carobbio GianMario. Infatti sembra che abbiate fatto le misure con un metro rotto, con un metro mancante di una stecca, quando avete misurato la larghezza di questi parcheggi o meglio quando l’assessore ai lavori pubblici ha visionato la larghezza di questi parcheggi. Credevate di misurare 2 metri, ma la misura effettiva era di 1,80. Purtroppo se si misurano i parcheggi, la misura interna non è di 2,50 metri come da voi sbandierata su Paese Mio o sui Social, ma bensì con una larghezza variabile dai 2,35 metri fino ad arrivare ai 2,26 metri. Addirittura anche se per pochi centimetri, se facciamo i pignoli, alcuni risultano pertanto irregolari rispetto al vecchio DPR n.495 del 1992, che stabiliva una larghezza minima di metri 2,30 ormai superato dall’usanza di realizzare parcheggi nuovi con larghezza di metri 2,50. Riteniamo inoltre che i cittadini abbiamo ragione nel dire che i parcheggi così realizzati siano meno agevoli rispetto a prima, in quanto le aiuole poste ad intervallo tra un parcheggio e l’altro, con alti cordoli a spigolo vivo, a ridosso della riga di delimitazione del parcheggio, rendono difficoltoso accedervi con manovra ad S, inquanto non si può vedere l’ostacolo e si va a danneggiare copertoni e cerchioni dell’auto.    Prima      se pur  di         grandezza       inferiore         l’ostacolo            rappresentato dall’autovettura in sosta era ben visibile. Era sufficiente pertanto e lo ribadiremo anche in questa sede ridurre la lunghezza dell’aiuola dai 2 metri attuali a una lunghezza di metri 1,50- 1,60, oppure anziché realizzare aiuole con spigolo vivo, arrotondare gli angoli nella parte prospiciente la strada utilizzando cordoli curvi, esistenti in commercio, oppure per finire ridurre l’altezza del cordolo del manto stradale in modo tale che se anche la ruota andava a toccare il cordolo non si sarebbe rovinato il copertone e il cerchione…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 4 GIUGNO