CLUSONE – Suore di Maria Ausiliatrice: 25 malate (su 30) ma solo 4 decessi. Il racconto dell’infermiera: “Piangevo sempre, non sapevo cosa fare. L’ATS non ci ha forniti di nulla, i messaggi con il dottor Conti ci hanno salvati ”

Norma racconta con il cuore in mano. Giorni difficili. Un lavoro che l’ha portata ad affrontare in prima linea l’emergenza sanitaria. Norma Canova è infermiera professionale all’Istituto Suore Maria Ausiliatrice di Clusone. La struttura, situata in via San Defendente, ospita 30 suore anziane, divise in due piani, il primo dedicato a quelle parzialmente autosufficienti, il secondo (di cui Norma è responsabile) alle suore non autosufficienti.

Si sono ammalate 25 suore su 30 e proprio per sospetto COVID 4 sono morte. Dico per sospetto perché nessuna ha fatto il tampone, e per altro erano anziane, già con altre patologie, il COVID non è stata la causa principale”. E il virus ha colpito anche il personale della struttura. “Metà degli operatori sono stati colpiti e sono dovuti rimanere a casa. Questo ha costretto chi era sano a lavorare anche 13 o14 ore al giorno e garantire la reperibilità 24 ore su 24 per non lasciare sole le suore”. Uno sforzo che ha messo a dura prova tutti. “Quando arrivavo a casa piangevo sempre, ero spaventata e impaurita, non sapevo cosa fare”….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 8 MAGGIO