CLUSONE – LA STORIA – Quel “Rifugio” a San Lucio dove nel ‘600 la gente salì per sfuggire alla peste e dove adesso ci si trova in “paradiso”

376

Qui in alto durante la peste del ‘600 si erano rifugiati i signori, fuggendo dalla peste. La chiesetta di S. Lucio risale a quel tempo da lupi. Sembra di leggere il Decamerone di Boccaccio. Ancora qui in alto, da dove si domina il vasto piano con lassù in alto la Basilica con i suoi affreschi della Danza Macabra e del Trionfo della morte, era nato il piccolo “rifugio”, a due passi dalla chiesetta, un punto ristoro gestito da Rosetta Consonni, che ci stava anche d’inverno e un giorno raccontò a uno che andava su alla sua baita che “sono 40 giorni che non vedo un cristiano”. Ma poco più in alto, un sentiero portava a una spianata, al “Pianone”.

Qui c’era uno skilift e una pista. Adesso farebbe sorridere, ma si era ancora allo sci dei pionieri. I milanesi in cerca di emozioni arrivavano a Clusone con la littorina, scendevano dalla stazione verso La Spessa e trovavano dei ragazzi che per 30 lire si offrivano di portare gli sci (pesanti) dei “signori” fino al Pianone. Erano gli anni ‘50. Il flusso dei milanesi era diventato consistente.

pubblicità