CLUSONE – IL CASO Caffi: “Ma Se T Co risparmia 30 mila euro”

Sull’ultimo numero di Araberara avevamo riportato i “rilievi” che erano stati fatti dall’ufficio ragioneria del Comune di Clusone e dai revisore dei conti sul compenso assegnato all’Amministratore unico di Se T Co Carlo Caffi quantificato in 50 mila euro lordi annuali. L’interessato ricorda che si tratta di “pareri” (basati, come abbiamo scritto, sulla cosiddetta “legge Madia” che intendeva semplificare la “selva” delle società partecipate dagli enti pubblici, società che erano diventate spesso un “poltronificio”). “Nel 2017 sono cambiati radicalmente lo statuto e la ragione sociale della società Se T Co che è diventata una holding con obiettivi fissati dall’assemblea dei Sindaci-soci. In particolare si deve creare una società che gestisca in house il settore energetico… Ma ci sono altri obiettivi….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 7 DICEMBRE