CLUSONE – IL CASO – Allarme Ospedale: mancano i medici e la Regione pensa ad… ambulatizzarlo

Mentre in alta valle si pensa ad altro, torna l’allarme Ospedale di Piario. Che poi l’allarme si estende all’Ospedale di Lovere. Meglio gridare comunque “al lupo al lupo” prima che abbia già sbranato le pecore. La Regione sta valutando (in sordina) il futuro di questi due Ospedali. Dopo la soppressione del punto nascita, per compensare la perdita si erano fatte promesse. Una elle quali è stata mantenuta, quella del potenziamento degli ambulatori. Che è un’arma a doppio taglio: perché da una parte aumenta l’offerta di servizi, ed è la benvenuta, ma dall’altra può essere letta anche come una tendenza ad “ambulatizzare” l’Ospedale, togliendo in futuro altri reparti. E’ già successo. Avete un poliambulatorio invece di un ospedale non è la stessa cosa. L’altra promessa, quella di specializzare l’Ospedale creando reparti in esclusiva che “servano” un territorio molto più vasto, come il promesso “centro disturbi alimentari…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 8 NOVEMBRE