CLUSONE – ELEZIONI – La Lega di Bergamo avoca a sé la lista “Olini”. Morstabilini: “Una lista fresca e competente”

Due liste, quelle annunciate mesi fa. Il lungo periodo di attesa, il rinvio delle elezioni al 20 settembre, non ha cambiato (quasi) nulla. Tanto rumore per nulla? Beh, vediamo. La lista di continuità, quella che abbiamo definito dei “conservatori” sarà capeggiata dalla candidata sindaco Antonella Luzzana che ha spuntato quello che aveva chiesto: i tre simboli dei partiti di destra (Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia) e la presenza di Paolo Olini in lista. Come in lista resterà anche   Giuseppe Trussardi (barbetì) tanto per far capire che tutto resterebbe come prima. Direte, e i giovani della Lega cosa fanno? Il loro “commissario reggente” Massimo Scandella spiega quello che era scontato, la Lega di Bergamo ha preso in mano la situazione, dà il simbolo a patto di decidere dalla città come sarà composta la lista. In città c’è la sezione provinciale commissariata e a capo c’è Giulio De Capitani che ai “ragazzi” baradelli della Lega praticamente ha detto, come i venditori di piazza d’antan, “bambini fate un passo indietro, lasciateci lavorare”. Voi cosa farete? “Seguiremo le indicazioni del partito”, risponde Scandella. Insomma il “provinciale” non vuole rischiare, benedice Olini e indirettamente la Luzzana per la quale garantisce Olini, cui è stato demandato il compito di comporre la lista e Olini va a sua volta sul sicuro, niente cambi perché tutto resti com’è, si è detto, capovolgendo il detto del Gattopardo (poi questa gliela spieghiamo).

Lo scontento dei giovani leghisti resta quindi sullo sfondo, poi nel segreto dell’urna, per citare Guareschi, “Dio ti vede, Salvini no”.  Anche in Fratelli d’Italia c’è tra i giovani un po’ di scontento, “insomma restano su quelli di sempre”. Ma tutto resta com’è, l’incidente che raccontiamo di cui è stato protagonista Severino Balduzzi (di quella che ho chiamato “la premiata ditta e centro di progettazione permanente”) che i carabinieri nella loro relazione hanno indicato misteriosamente come un “addetto comunale” è la prova che tutto va nella direzione della “conservazione” dei poteri costituiti….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 7 AGOSTO