CLUSONE – DOMANDE E RISPOSTE – Perché Se.T.Co e G.Eco sono in avio-superficie e Sinergia fu bocciata? E perché Clusone non aderì allo skipass?

I consiglieri di minoranza di “Clusone Viva” Massimo Morstabilini e Roberto Balduzzi e i consiglieri Laura Poletti di “Clusone nel cuore” e Francesco Moioli di “SiAmo Clusone” hanno presentato due interrogazioni. La prima riguarda Se.T.Co e G.Eco e la legittimità o meno del loro insediamento in Via Lama, nella zona ex eliporto. Si tratta di questo: le società SE.T.CO Holding Srl e G.ECO Srl hanno sede in via Lama, nell’immobile dell’ex Eliporto.

La zona in questione è inserita nel PTCP (Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale) con il vincolo di ‘aviosuperficie’, per una vecchia previsione di far sorgere lì, oltre all’eliporto, una pista di atterraggio per aerei leggeri.

Si ricorda che il progetto SINERGIA dello scorso anno era inserito nell’area adiacente all’insediamento sopra citato. In sede di conferenza dei servizi la Provincia di Bergamo espresse parere negativo proprio a causa di quel vincolo.

Da qui sorge una domanda logica: se vige il vincolo di aviosuperficie che non consente l’edificazione e l’insediamento di attività produttive su quell’area, in che modo nell’ex eliporto hanno sede SE.T.CO Holding Srl e G.ECO Srl?

A fronte di tale incongruenza, avendo verificato che non risulta rilasciato alcun titolo autorizzativo all’insediamento di SE.T.CO. Holding srl e di G.ECO Srl in quell’area, abbiamo chiesto al Sindaco con un’interrogazione delucidazioni in merito.

La risposta dataci a firma dell’Arch. Locatelli sostiene che l’edificio ex eliporto è stato edificato come edificio destinato ad erogare un servizio di pubblica utilità e le attività di SE.T.CO. Holding srl e G.ECO srl svolgono attività di pubblico interesse, pertanto non determinano una variazione della originaria destinazione d’uso dell’immobile!

Il fatto che svolgano un’attività di pubblico interesse è ininfluente al fine dei titoli autorizzativi necessari alla svolgimento delle attività….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 22 MARZO