CIVIDINO – CASTELLI CALEPIO “Un disastro annunciato”, lo spettro della Procura e della Corte dei Conti

Continua a tenere banco la questione scuola Elementare a Cividino, anche ora che la scuola comincia. “Un disastro annunciato che doveva essere evitato” tuonano Massimiliano Chiari e Sabina Pominelli, consiglieri di Castelli Calepio Cambia: “Il sindaco tira dritto (sulla pelle di 196 alunni e delle loro famiglie) e decide che, dopo l’intermezzo settembrino del doppio turno alla scuola elementare di Tagliuno, le lezioni si terranno presso l’Auditorium, sempre a Tagliuno, rimaneggiato per l’occasione. L’Auditorium è stato inaugurato in pompa magna poco più di un anno fa (naturalmente, poco prima delle elezioni comunali del maggio 2019); per adeguarlo ad aule, con tutte le autorizzazioni del caso (ATS, Vigili del Fuoco,…) verranno spesi molti soldi (faremo i conti alla fine), poi ne verranno spesi ulteriori per ricondurlo alla sua destinazione originaria, molti soldi verranno spesi inoltre per il servizio trasporto da e per Cividino due volte al giorno (4 pullman per volta?) ed il disagio per gli alunni e le famiglie rimarrà comunque altissimo”. La minoranza una proposta alternativa l’aveva fatta ma era sta rispedita al mittente: “Noi avevamo proposto il noleggio, non l’acquisto, di un prefabbricato da installare a Cividino e il sindaco ha detto no, non si può fare (lo sa solo lui il perché)…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 11 SETTEMBRE