CHIUDUNO – MEMORIA – Giulia, la malattia e quel dolce sorriso. Don Mattia: “Vedeva il bello in ogni cosa, era distributrice di gioia”

Giulia, una bambina minuta, innamorata della vita, piccola con in mano una chitarra più grande di te, curiosa, chiacchierina, giocherellona. Tu, con i tuoi indovinelli e i giochi scherzosi e divertenti, così responsabile nel vivere la tua malattia, così desiderosa di imparare bene, così appassionata. Giulia, uno scricciolo tutto esuberanza. Tutti ti volevano bene. Giulia, così generosa e sempre disponibile. Occhi grandi, spalancati sulla vita, la tua risata e i tuoi racconti rischiaravano la giornata. Eri il sole. Riuscivi a trovare il lato positivo in ogni cosa che ti accadeva e a trascinare chi ti incontrava nel tuo vortice di gioia. La tua energia era contagiosa. Ora soltanto nel silenzio ascolteremo la tua voce e rivedremo il tuo sorriso. Averti avuta come alunna è stato un dono immenso. Rimarrai sempre con noi. Arrivederci, Giulia. Con amore le tue maestre”.

Giulia Austoni aveva nove anni e Giulia quei nove anni li ha vissuti con il sorriso, anche quando davanti a lei si è presentata la sfida più dura da combattere, come quella una rara sindrome da immunodeficienza che l’ha costretta al ricovero in ospedale, al Civile di Brescia, e al trapianto di midollo osseo dello scorso dicembre. Giulia aveva tanti sogni nel cassetto, troppi per essere portata via alla vita così presto. Giulia era solare, come dovrebbero essere tutte le bambine alla sua età. Giulia invece ha dovuto indossare l’armatura da guerriera e combattere contro quel male che aveva bussato alla sua vita nel 2019 e che se l’è portata via in un giorno di primavera. Giulia se n’è andata dalla Terra, ma non dal cuore di mamma Elena, papà Alessandro, della sorellina Beatrice, dei suoi nonni, degli amici, dei compagni di classe e di tutti coloro che hanno incrociato il suo cammino. Giulia se n’è andata su una nuvola soffice, dove il mondo è dipinto dai colori più belli, dove il suo sorriso continuerà a splendere per sempre…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 2 APRILE