CERETE – Variante? I commercianti non ci credono: “Finchè non vedremo iniziare i lavori…”

Variante sì o variante no? Questione di viabilità e non solo. Cosa accadrebbe infatti a questi pochi negozietti rimasti ad animare il piccolo centro, se una strada parallela spostasse tutto il traffico che viaggia da Lovere a Clusone e viceversa? È davvero necessaria e potrebbe davvero portare benefici al paese e a chi percorre la strada? Sono domande che sorgono spontanee per un progetto promesso da anni, ma che al momento non sfiora nemmeno i pensieri delle attività commerciali che popolano il centro di Cerete Basso.

“Al momento la situazione non mi preoccupa più di tanto, ci penserò quando vedrò le ruspe ed inizieranno davvero i lavori. Per quanto riguarda la mia attività, credo che la clientela storica rimanga, la gente del paese non ci volterà le spalle. Al momento si lavora molto grazie al passaggio e alle offerte convenienti che i clienti possono trovare qui, ma se non dovessi più lavorare, andrò altrove, anche perché non penso di restare fino all’età della pensione. Ma ripeto, questa non è una preoccupazione”, ha commentato Laura Carrara, titolare del negozio “Non solo pane” di via Volta.

Insieme a lei tutti gli altri titolari delle attività commerciali… “É vero, il traffico c’è e c’è sempre stato, ma non sarebbe meglio trovare un’altra soluzione? Forse un senso unico alternato con un semaforo potrebbe sistemare tutto. Anche se basterebbe soltanto un po’ di buon senso…

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO SUL NUMERO DI ARABERARA IN EDICOLA DAL 9 FEBBRAIO.