CERETE 35 PROFUGHI A NOVEZIO “Svolgeranno lavori di pubblica utilità, ma prima dell’inverno lasceranno Cerete”

 

(Fr. Fe.)Sono arrivati venerdì 26 giugno, sono in 35 e provengono per lo più dall’Africa nera e dal Pakistan”. Come spiega la prima cittadina Cinzia Locatelli, anche a Cerete sono arrivati i profughi, ospitati nell’ex casa delle suore di Novezio, frazione situata fra Cerete Alto e Songavazzo: La proprietà della struttura è della fondazione di don Primo Bonazzi, che l’ha data in uso gratuito alla cooperativa Ruah, la quale ha partecipato al bando lanciato dalla prefettura ed ora gestisce gli immigrati”. Nei giorni scorsi erano emersi dubbi circa l’idoneità della struttura e l’amministrazione si è da subito allertata per operare i controlli necessari: “Stiamo svolgendo le verifiche, abbiamo richiesto la documentazione necessaria perché in comune i documenti non ci sono. Dal sopralluogo dell’ASL è emerso che la struttura è idonea, attendiamo l’esito dei controlli dei tecnici per gli impianti e dei Vigili del fuoco”….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 10 LUGLIO