CENE – Stop ai cortei funebri a piedi. Il sindaco li vieta con l’ok del parroco

Lascia perplessi l’ordinanza del quattro settembre 2019 emessa dal sindaco di Cene Giorgio Valoti che vieta i cortei funebri. L’ordinanza è stata pubblicata anche sul bollettino parrocchiale del paese, ed è stata fatta per regolamentare le modalità di svolgimento dei cortei cercando di fare in modo che creino il minor disagio possibile.

Dall’atto risultano le motivazioni per la messa al bando. Il primo problema è la volontà di superare l’antica consuetudine di accompagnare il defunto fino alla parrocchia, si legge: “Considerato che è usanza da vecchia data lo svolgersi di cortei funebri a piedi per il trasporto delle salme dal luogo di decesso al luogo in cui si svolgeranno le esequie e successivamente fino al luogo di sepoltura”. Un altro problema, motivazione principale dell’ordinanza, è legato alla sicurezza e al traffico veicolare: “i percorsi che vengono effettuati coinvolgono spesso le principali arterie viarie con conseguenti criticità del traffico veicolare, talvolta ponendo a rischio l’incolumità dei partecipanti al corteo medesimo”. Il sindaco fa inoltre notare che la maggior parte dei cortei si fa in auto e che quelli “appiedati” sono solo quelli considerati vicini alla parrocchia, quindi il problema della messa al bando riguarda poche famiglie…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 27 SETTEMBRE