CENE – Il nuovo assessore e la scuola cenese al tempo del Covid

Un mese e mezzo è ormai trascorso dall’appuntamento elettorale di settembre, quando la lista leghista guidata da Edilio Moreni ha conquistato per l’ennesima volta la guida del Comune di Cene. Tra gli assessori della nuova Giunta c’è Patrizia Stefenetti, assessore all’Istruzione e alla Cultura.

Patrizia, lei guida l’assessorato all’Istruzione da poco tempo e si è trovata ad affrontare un momento molto complicato per l’ambiente scolastico, non solo nella provincia di Bergamo, ma in tutta Italia, a causa dell’epidemia di Covid-19. Come state affrontando a Cene questa emergenza, insieme a dirigente scolastico e insegnanti? Quali sono le misure adottate nelle varie scuole presenti sul vostro territorio comunale (Materna, Primaria, Secondaria) per garantire a bambini e ragazzi di proseguire nel modo migliore l’anno scolastico, e al tempo stesso, tutelare la loro salute?

Anche Cene è stata duramente colpita dall’epidemia di Covid-19 e il pensiero di tutelare i nostri cittadini e i nostri ragazzi – spiega l’assessore – è sempre presente all’interno di ogni discorso emerso tra noi della Giunta comunale. Tra le altre cose, la scorsa settimana, visti l’evolversi della pandemia e la necessità di provvedere a interventi a supporto della popolazione con particolare riferimento alle fasce deboli, la Giunta ha aggiornato il Comitato di Unità di Crisi Locale e il Centro Operativo Comunale, quali organismi di comando e controllo per la gestione delle emergenze, per poter fronteggiare prontamente il diffondersi della nuova ondata di Covid-19. A breve, inoltre, anche gli accessi al Municipio e alla Casa di Riposo verranno disciplinati in maniera diversa: è allo studio, infatti, la possibilità concreta di creare degli ingressi regolamentati da un termoscanner e, di conseguenza, la differenziazione dei percorsi di entrata e di uscita dagli stabili in questione a tutela di coloro che, per necessità o per lavoro, devono frequentare il palazzo comunale, l’ufficio postale e la Casa della Serenità…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 6 NOVEMBRE