CENATE SOTTO – L’ultima mensa, Berbenni: “Cado per sette minestrine

“Per sette minestrine sono saltato e con la mia caduta arriva il commissariamento del Comune”, non ci poteva essere frase più significativa del sindaco Giosuè Berbenni per descrivere quanto accaduto a fine dicembre a Cenate Sotto dove l’amministrazione comunale è caduta, incapace di gestire un problema facilmente gestibile e che invece è diventata una questione di principio di fronte alla quale sindaco e giunta si sono contrapposti arrivando alla sfiducia del sindaco da parte della sua stessa maggioranza.

“In questi giorni ho avuto testimonianze di stima da parte di molta gente che mi ha telefonato o scritto per ringraziarmi per quanto fatto sulla questione mensa, sembra incredibile ma è andata proprio così, siamo caduti semplicemente per sette minestrine in più date a bambini non residenti quando i posti liberi erano più di quaranta. Per me che sono professore di diritto questa è stata una battaglia per un principio, quello di permettere a tutti i bambini di avere lo stesso…

SUL NUMERO IN EDICOLA DALL’11 GENNAIO