CENATE SOTTO – Consigli in videoconferenza, il sindaco risponde alla minoranza: “Lamentele contraddittorie… Hanno poco da dire”

Consigli comunali in videoconferenza, la minoranza che si oppone, non partecipa, e il sindaco che risponde.

Le lamentele della minoranza sui consigli in videoconferenza sono contraddittorie e servono solo a nascondere evidenti problemi all’interno del loro gruppo – spiega il primo cittadino Thomas Algeri -. Tenere il consiglio comunale in videoconferenza è pienamente legittimo e si tratta di una modalità ormai utilizzata da tutti i comuni, ancor più ora con la necessità del green-pass e della preassegnazione dei posti. Non solo. Contrariamente a quanto sostiene la minoranza, la videoconferenza permette ai cittadini di poter partecipare alla seduta semplicemente con un click, quando, dove e come vuole, vedendosi tutto il consiglio o le parti che interessano addirittura comodamente da casa. La videoconferenza, dunque, amplia la possibilità di partecipare al consiglio e la pubblicità di discussioni e decisioni…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 10 SETTEMBRE