CAZZANO- Spampatti e i suoi cinque anni da sindaco: “Il paese è cambiato. E ora parco, semaforo nuovo e asfaltature

In cinque anni credo che tante cose sono state fatte e non ci fermiamo certo qui”. Sergio Spampatti, il sindaco di Cazzano è in chiusura di mandato ma l’entusiasmo dopo cinque anni non è certo scemato, anzi: “Non sta a me dire come è cambiato il paese ma è sotto gli occhi di tutti, non abbiamo un libro dei sogni ma messo in pratica idee concrete, poi il nostro programma poteva essere condivisibile o meno ma secondo noi ha migliorato la situazione del paese. Adesso abbiamo ancora alcuni punti cardine su cui puntiamo molto”.Uno era appunto il bando del chiosco che si è chiuso il 4 febbraio: “Tante mamme ci chiedevano questo servizio al parco –continua Spampatti – gli ultimi due anni siamo riusciti a tenerlo aperto solo perché l’associazione Cazzano in Festa si è rimboccata le maniche e ci ha dato una mano ma adesso la cosa non è più possibile e il chiosco è indispensabile per garantire un punto ristoro soprattutto in estate. E chi gestisce il chiosco garantirà anche l’apertura e la chiusura del parco e quindi la sua gestione. Ci sono molte famiglie giovani in paese e ci teniamo molto a questo aspetto”.E intanto si lavora su più fronti…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 8 FEBBRAIO