CAZZANO – Alcuni ragazzi si sono accaniti contro la statua della Madonnina della Valle Gaggio. Fabrizio Moretti: “Perché non vengono con noi Alpini a sistemare i sentieri?”

149

“Un fatto che ha rattristato tutti, non solo perché è stupido e ingiustificabile, oltre che blasfemo, ma anche perché qualcuno ha tentato di giustificarlo con il ‘bisogno di sfogarsi’ che i nostri ‘poveri ragazzi’ hanno in questi tempi di pandemia….Se davvero hanno bisogno di ‘sfogarsi’ potrebbero venire a lavorare con noi,  con pic e pàla a sistemare i sentieri malconci…”

L’amaro commento del vice-sindaco e capogruppo degli Alpini Fabrizio Moretti è più che comprensibile:  in Valle Gaggio, una zona vicina al centro abitato, nella notte tra venerdì 26 e sabato 27 scorsi un gruppo di ragazzotti si è accanito contro la Madonnina della cappelletta cara a tanti cazzanesi: non solo l’hanno tolta dalla sua nicchia, ma l’hanno sbattuta per terra e ridotta in mille pezzi:

“Si trattava di una piccola statua benedetta che alcune famiglie locali erano andati a prendere a Medjugorje anni fa, forse non di grande valore economico ma di grande valore affettivo: non solo le famiglie donatrici ma tanti nostri compaesani vi erano molto devoti, e nel mese di maggio, quando anni fa vi  si celebrava la Messa, due volte al mese, anch’io ci andavo con la mia Nonna ed erano davvero tanti i fedeli che raggiungevano la cappelletta della Valle Gaggio, che del resto  ancora oggi è spesso mèta ed oggetto delle celebrazioni del mese dedicato a Maria…”…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 5 MARZO

pubblicità