CASTRO – Il saluto del paese a don Giuseppe: commozione e ricordi

Don Giuseppe. Un saluto di quelli che sanno davvero di arrivederci e non di addio, perché gli arrivederci restano dentro come un germoglio e prima o poi rispuntano con la forma di un fiore che ti sboccia dentro ad ogni primavera. Don Giuseppe Azzola ha salutato Castro e Castro ha salutato Don Giuseppe. Tre celebrazioni che sono diventate un tutt’uno per emozione e calore. Sabato 18 settembre la Santa Messa con tutte le associazioni del paese e la corale, domenica alle 10,30 la Messa con tutti i ragazzi della catechesi e la sera è toccato agli adolescenti, che erano davvero tantissimi, cresciuti con don Giuseppe in questi anni. E al termine di ogni Messa, aperitivo in oratorio. La comunità ha raccolto 5000 euro per Don Giuseppe. Durante le celebrazioni è stato presentato ufficialmente anche il nuovo amministratore parrocchiale don Marco Perletti. Don Giuseppe adesso è già a Tavernola, dove farà la sua entrata ufficiale il 3 ottobre.

Il Consiglio Pastorale: “Con spontaneità e creatività ricomincerai”

Carissimo Don Giuseppe, il Consiglio Pastorale Parrochiale che rappresenta la comunità tutta di Castro, ti vuole salutare condividendo con te alcuni pensieri. Sono sorti in noi da qualche mese: da quando abbiamo saputo che il tuo ministero fra noi stava per concludersi. Era nell’aria da tempo ma ora siamo qui per salutare e ringraziare te. E’ un tempo di “cambiamento, di partenza”. Come viverlo nella fede?  Certo, ogni distacco è fonte di preoccupazione e d’incertezza, perchè interrompe e modifica relazioni umane costruite nel tempo.  Sei stato pastore nella nostra comunità per dieci anni: hai imparato ad amarla, hai instaurato legami con le persone. Il tuo trasferimento è segno tangibile della provvisorietà di questi legami, umanamente importanti ma destinati a cambiare, soprattutto nella vita di un sacerdote.  Siamo convinti comunque che, con la spontaneità e creatività, saprai ricominciare in un nuovo ambiente, con nuove persone. …

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 24 SETTEMBRE