CASTRO – Giancarlo Carizzoni: dove ci siamo incontrati? Sei qui da sempre, simile al vento…

912

‘Dove ci siamo incontrati,

anima?

In che piazza di città,

in che prato,

in riva a che torrente?

E ora sei qui, da sempre

simile al vento, ai fiori, ai vulcani.

Alle origini

Di questo vento che soffia un’ora che diventa L’Ora

Come si allungano le ore di luce.

Come è ingordo maggio

di oro torbido e di vita

allo stato nascente.

Di rami germinanti dal niente

su cui si apriranno dei fiori.

Dicendoci che è possibile riavere dal niente,

forme, profumi,

colori.

E diventare tutto. Come sei tu.

Ti  cerco

nel fogliame scomposto,

nel rivo prosciugato

dall’arsura del tempo,

nell’amorevole cura

dei sogni assopiti che diventano realtà.

Sfuggono gli aquiloni

verso aridi cieli

dalle dita inermi

nel trattenere il destino

nel mio peregrinare assorto,

accartocciando

sussurri d’Eternità.

Ti cerco

nel buio di una sera

lasciata a sè stessa,

tra le righe

di un foglio abbandonato

nel bolero del vento.

Parlerà il silenzio

delle nostre mani

sul nostro volto smarrito di te.

Che ci sorridi da lassù.

(tea)

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 20 MAGGIO

pubblicità