CASTRO – Alessandro Finazzi in arte ‘Frequenza23’, rapper diciottenne di Castro: “La carta e la penna i miei migliori amici…”

Alessandro Finazzi, in arte Frequenza23, è un ragazzo diciottenne di Castro, frequenta la scuola di acconciatura a Boario, e sta facendo di tutto per portare avanti la sua più grande passione, il rap. Un amore per la musica nato da molto lontano: “Già in seconda media ho iniziato a scriverei i primi testi, durante le lezioni che mi annoiavano – spiega Alessandro Finazzi -. Non avrei mai pensato di comporre canzoni mie. All’inizio scrivevo per divertimento, raccontando i fatti divertenti che accadevano in quelle ore scolastiche, che sembravano infinite”. Molto particolare il motivo che ha avvicinato Alessandro Finazzi a questa passione: “Ciò che mi ha portato ad intraprendere la strada del rap, sono state molte esperienze dolorose e significative che mi hanno segnato la vita. Ad esempio, crescere senza essere aiutato da nessuno e risolvere i problemi da solo. La sera, poi, mi rifugiavo in camera mia a pensare agli eventi accaduti durante la giornata ed è proprio in quei momenti che ho scoperto di avere dei migliori amici, il foglio e la penna. Ho iniziato la mia carriera, ancora agli esordi, con alcuni freestyle su Instagram. Il mio primo pezzo ufficiale è intitolato “MOWGLI”. La canzone parla delle difficoltà che ho avuto nel corso degli anni, di come ci si sente a crescere senza nessuno e di come riuscire ad arrangiarsi da solo. Come dico nel mio pezzo: nonostante tutto non mollare mai se si ha un obiettivo nella testa. Ho già pronti altri pezzi, che usciranno a breve, parleranno sempre della mia vita e di come superare gli ostacoli che ci pone sul nostro cammino. Sono rimasto sbalordito del risultato che ha raggiunto il mio primo singolo, che in nemmeno due settimane ha quasi raggiunto mille stream su Spotify, ottenendo circa 400 ascoltatori mensili. Questo mi invoglia ancora di più a continuare il mio cammino nella musica”. L’obiettivo è quello di trasformare la propria passione in un lavoro: “Il mio sogno più grande sarebbe trasformare la mia più grande passione in un lavoro e riuscire ad arrivare ad alti livelli per poi collaborare con grandi artisti”…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 2 APRILE