CASTIONE: L’Unità Pastorale si fa in… 3. Arriva un nuovo Curato che abiterà a Bratto. Ma in futuro…

104

 

A prima vista sembra non cambi niente. Don Stefano Pellegrini da settembre sarà parroco di Castione capoluogo, di Dorga e di Bratto. Ha il problema della casa parrocchiale che deve essere ristrutturata. Già il curato attuale don Luca della Giovanna risiede a Dorga. Si aspetta la partenza del parroco di Bratto Don Paolo Piccinini per Villa di Serio e poi l’Unità Pastorale parte. Ma con tre preti, uno per ogni parrocchia, un parroco e due Curati. Infatti arriva don Gianpaolo Baldi attualmente direttore dell’Oratorio di città della parrocchia di Pignolo. Che andrà appunto ad abitare a Bratto. Insomma formalmente non cambierebbe niente ma è chiaro che l’intento è quello poi di avere una “casa comune”. Ma per questo ci vorranno soldi per ristrutturare la grande casa parrocchiale, attualmente disabitata (anche da don Stefano) all’ingresso di Castione.

Su Castione anche la fine dei lavori sulla provinciale (finalmente), il problema profughi con le voci inventate dell’arrivo di mille profughi e la Lega che accusa il sindaco di non aver risposto alla propria interpellanza. Il Sindaco che annuncia il collegamento di Predusolo con la ciclabile della Val Seriana e il paese tedesco di Adenau che ha dedicato una Via a Castione gemellato (a Castione c’è già una Via Adenau) e poi il recital su Papa Francesco il 31 luglio al cinema Cristallo di Castione.

SU ARABERARA IN EDICOLA PAG. 12

pubblicità