CASTIONE – LAUREA MAGISTRALE – Francesco fa 110 e l’ennesima “Lode”

Si è laureato a pieni voti. Sembra una cosa scontata, ma per Francesco Ferrari è la laurea magistrale a soli 23 anni dopo un percorso con l’en plein della valanga di 30 e Lode nel percorso universitario. Francesco aveva frequentato il Liceo Classico al Celeri di Lovere, poi l’Università a Bergamo con la laurea breve sulla lingua latina con un approccio inedito sull’evoluzione del “latino” da lingua agreste a lingua dominante. E adesso la traduzione di testi inediti anche in questo caso con un approccio inedito, quello dell’incontro tra lingua greca e latina per cui ci sono i testi per l’insegnamento del greco ai latini e del latino ai greci, formando alunni bilingue al tempo in cui al mondo erano queste le lingue dominanti. Il titolo della corposa tesi (145 pagine) è «“Opus doctrinae interpretatum”: i testi degli Hermeneumata Pseudodositheana Leidensia». Relatore la prof.ssa Lucia Degiovanni e correlatore il prof. Paolo Cesaretti.

Per capire la complessità della preparazione alla tesi basterebbe scorrere la Bibliografia della tesi con ben 47 tra testi e saggi consultati trovando perfino incongruenze nei testi non solo nella traduzione di termini dal greco al latino, ma anche nel riportare episodi dell’Iliade sfalsati rispetto alla versione originale. Questo per dire che Francesco si è avventurato in uno studio talmente onnivoro e specialistico che andrebbe conservato perlomeno nella biblioteca dell’Università per consultazioni future.

I nostri complimenti per la laurea magistrale a soli 23 anni e per la passione davvero singolare per le lingue antiche sono particolarmente affettuosi per la preziosa e puntuale collaborazione che Francesco ha avuto in tutti i suoi anni di studio con Araberara. ..

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI 23 LUGLIO