CASTIONE: LA PROTESTA DI DORGA “Non chiudete il nostri Asilo, chiudete quello di Bratto. La risposta del parroco.

Ore 15.30 di un pomeriggio di fine febbraio. Piazza della chiesa di Dorga. Il cielo che scopre la sua veste turchese. La Presolana che rivela il suo profilo innevato. I genitori che percorrono la scalinata che dalla piazza della chiesa sale all’asilo, ritirano i propri figli e scendono con loro.

Sono gli ultimi mesi di vita dell’asilo di Dorga. Da settembre nella conca della Presolana entrerà in atto a pieno regime l’unità pastorale delle tre parrocchie (già unite Castione e Bratto, don Stefano Pellegrini entrerà anche a Bratto proprio a settembre). Come già annunciato proprio ad Araberara la scorsa estate, vista la difficile situazione finanziaria della pluri-indebitata parrocchia di Dorga, la scuola materna parrocchiale sta trascorrendo il suo ultimo anno di vita. Poi basta. Si chiude. Ma i genitori di Dorga non ci stanno e si dichiarano tutti contrari a questa decisione.

Non sono per niente d’accordo – commenta una giovane mamma – perché c’è la necessità di avere struttura con aule ampie e ospitare anche la sezione primavera. L’asilo di Bratto per gli spazi disponibili non permette di avere le due sezioni dell’asilo più la primavera. Quello che hanno detto a noi mamme è che da settembre non ci sarà più l’opportunità di avere la sezione primavera. Noi avevamo proposto a don Stefano, visto che da settembre sarà lui l’unico parroco, di trasferire i bambini iscritti a Bratto nell’asilo di Dorga in modo da avere una struttura nuova, grande, confortevole e sempre esposta al sole. La sola pecca dell’asilo di Dorga è il giardino più piccolo rispetto a quello di Bratto, ma le due strutture non sono nemmeno da mettere a confronto… Se si chiudesse Bratto e si spostassero i bambini a Dorga, qui ci sarebbe spazio anche per la sezione primavera, per la quale vi sarebbero già otto preiscrizioni.

Invece no, la nostra proposta non viene neanche presa in considerazione”. (…)

La risposta del parroco Don Stefano: “Si apre la seconda sezione di Bratto. Nel 2016 chiuderà o Bratto o Dorga, indifferentemente” (…)

SU ARABERARA IN EDICOLA PAG. 14