CASTIONE – IL PERSONAGGIO – Ian Spampatti si è fatto grande. Per il secondo anno premiato dal Gambero Rosso, i progetti sul panettone e l’obiettivo di una nuova pizzeria

3841

Da giovane talento, ormai Ian si è fatto grande. L’astro nascente ora brilla nel mondo della pizza. E a dirlo sono i numerosi riconoscimenti che ha portato a casa negli ultimi anni. Ian Spampatti ha 23 anni e viene da Castione della Presolana. Nel 2014, quando di anni ne aveva solo 16, ha aperto insieme alla sua famiglia la pizzeria La Lanterna. Una storia fatta di passione, talento e voglia di crescere. Due anni dopo ha trionfato a Master pizza chef. E negli ultimi due anni ha ottenuto due prestigiosi riconoscimenti che attestano come il suo percorso di crescita l’abbia portato in una posizione di eccellenza.

Nel 2020, infatti, è entrato nella guida del Gambero rosso tra le migliori pizzerie d’Italia. “Oltre alla pizzeria entrata nella guida, ho ricevuto una menzione speciale – racconta Ian, con umiltà e determinazione -. Ogni anno vengono assegnati dei premi particolari, io ho ricevuto la menzione come pizzaiolo emergente del 2020. È stata una bellissima soddisfazione, sia per me sia per la pizzeria, che ha ricevuto due spicchi come valutazione (l’equivalente delle stelle per i ristoranti – ndr), a pochi punti dal terzo”.

La premiazione è avvenuta in una cornice speciale: Napoli. “Giocavamo in trasferta – sorride Ian -. La manifestazione si è svolta al Circolo canottieri di Napoli. Per gli emergenti c’è la possibilità di far assaggiare la propria pizza a tutti gli invitati: così ho avuto modo di farmi conoscere ancora di più. Portare la mia pizza a Napoli è sempre abbastanza complicato, siamo sempre sotto i riflettori, ma è stata una grande opportunità”.

Ma le gioie per Ian non sono finite qui. Un mese fa è arrivato, infatti, un nuovo riconoscimento, sempre dal Gambero rosso. “Siamo entrati nel meglio di Milano e delle altre province, ovvero tra le migliori pizzerie della Lombardia 2021. È stata un’altra bella soddisfazione”.

Riconoscimento che mai Ian si sarebbe aspettato di raggiungere a sette anni dall’apertura di quel laboratorio dove impasta pizza e sogni. “Assolutamente no – sorride -. L’obiettivo iniziale non è di arrivare a ricevere dei premi, ma di far le cose bene: testa bassa e lavorare. Ovviamente sono cose bellissime e se arrivano fanno solo che piacere perché significa che degli enti importanti riconoscono il tuo lavoro, ma non si lavora per le guide e i premi”. Ian su questo ha le idee chiare. “Io credo nel lavoro fatto giornalmente e spero di farlo sempre nel migliore dei modi. Gestire un’attività non è facile, i problemi sono tanti, ma è un lavoro di squadra e questo è importantissimo. I premi non sono solo miei ma di tutte le persone che hanno collaborato con me negli anni: in primis la mia famiglia, che mi è sempre stata accanto, ma anche tutti i collaboratori e i fornitori, che contribuiscono a una fetta importante del risultato finale”.

Il segreto (si fa per dire) della pizza di Ian, risiede proprio nella scelta degli ingredienti…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 23 APRILE

pubblicità