CASTIONE – IL CASO “Voglio mettere le ceneri del mio cane nella tomba di famiglia….”

Una richiesta che non capita certo tutti i giorni. Almeno a Castione della Presolana. Ma che non è totalmente infondata. Perché dietro c’è una questione legislativa complessa, con una legge regionale dichiarata incostituzionale dal governo e in attesa della Corte Costituzionale. Negli uffici comunali di Castione nelle scorse settimane si presenta un cittadino che chiede di seppellire le ceneri del proprio cane. Non in un cimitero per animali, che a Castione non esiste. Ma nella tomba di un parente già defunto. Insomma, tumulare le ceneri di un animale insieme ad una persona. Il cane è proverbialmente il migliore amico dell’uomo, un’amicizia che talvolta arriva agli eccessi dell’antropizzazione degli animali (non sono ormai più rare scene di cani tenuti nei passeggini al posto dei bambini). La questione della sepoltura del proprio cagnolino – dopo la cremazione – è al centro di una diatriba legislativa che ha coinvolto regione Lombardia e il governo. Da una parte l’amministrazione regionale guidata da Attilio Fontana (appoggiato da Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d’Italia), dall’altra il primo governo di Giuseppe Conte (quello appoggiato da Lega Nord e Movimento 5 stelle)….

SUL NUMERO IN EDICOLA