CASTIONE – Gli Alpini, il ricordo delle 5 penne nere decedute a marzo e la nuova illuminazione di San Peder

Ripartire vuol dire anche fare memoria. Ricordare chi se n’è andato senza poter essere nemmeno salutato degnamente. Un ricordo intrecciato alla gratitudine che diventa preghiera. Gli Alpini della sezione Presolana hanno voluto ricordare i propri soci andati avanti in una cerimonia densa di commozione, celebrata venerdì 31 luglio presso il cimitero di Castione. Sono state ricordate le cinque penne nere scomparse nel giro di una settimana, alla metà di marzo, nel periodo più difficile della pandemia.

Angelo Ferrari, classe 1930, deceduto il 16 marzo; l’amica Maria Ferrari, classe 1944, deceduta il 17 marzo; Gianbattista Forchini, classe 1942, deceduto il 18 marzo; Aristide Tomasoni, classe 1943, deceduto il 19 marzo; Angelo Ferrari, classe 1926, deceduto il 22 marzo.

È proprio il ricordo di tutti i morti durante la pandemia ad aver ispirato un’altra iniziativa della sezione castionese degli Alpini, guidata dal capogruppo Michele Canova. Come già raccontato sul numero di Araberara del 3 luglio, la chiesetta di San Peder, il luogo di fede più antico della zona, verrà illuminato con nuovi led per essere per tutti una luce di speranza e ricordo…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 7 AGOSTO