CASTIONE DELLA PRESOLANA – Venduta: la Monti del Sole cambia proprietà, tra bandi deserti e trattative private ora si cerca il rilancio

Venduta. La Monti del Sole cambia proprietario. La vendita era nell’aria da tempo, ora si è concretizzata. La società nasce nel 1988, fondata da 5 persone con l’intento di collegare il Passo della Presolana con il Monte Pora. “Era l’epoca Citaristi – spiega il sindaco Angelo Migliorati – e i fondi dovevano arrivare dalla Dc, tutto pronto per fare questo collegamento, poi arriva il ’92, Mani Pulite, tutto bloccato, i soldi non arrivano più”. Niente da fare, i soldi non arrivano, sembra restare tutto un sogno. Poi però nel 2001 Fabrizio Ferrari, quota Lega, riesce a far arrivare un contributo regionale per realizzare una seggiovia sul Monte Scanapà.  Quella della seggiovia dello Scanapà è una storia che negli ultimi anni ne ha vissute di tutti i colori. L’impianto è di proprietà della società Monti del Sole. Una partecipata di cui il Comune di Castione della Presolana è socio maggioritario. L’aumento di capitale era stato deciso dall’amministrazione di Mauro Pezzoli, che non era stato seguito però dalle sottoscrizioni dei privati e si era trovato così con la società quasi totalmente nelle mani del Comune. La scelta successiva è stata la messa in liquidazione, con nomina di un amministratore unico ad hoc. Di mezzo c’è appunto la seggiovia. Che così com’è non funziona. Perché sulla cima dello Scanapà non c’è nulla, se non la base di partenza per i parapendii. La seggiovia funziona fino a 4 anni fa, la società è in perdita dal 2012, così nel 2014 l’allora sindaco Mauro Pezzoli fa un aumento di capitale di 500.000 euro ma nel 2013 ne rimangono solo 190.000, la società è in perdita notevole: “Il Comune – spiega Migliorati – ha l’obbligo e il dovere di cedere le società partecipate che sono in perdita da più anni e che non esercitano attività”…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 9 OTTOBRE