CASTIONE DELLA PRESOLANA – CRONOLOGIA – Dal record delle 4 liste del ‘97 e 2001 alla lista unica di vent’anni dopo…

Castione (3.362 residenti all’inizio del 2021) è dagli anni ‘70 la capitale del turismo della provincia di Bergamo. La sua capacità ricettiva tra alberghi e B&B supera i mille posti letto. La Conca della Presolana in quegli anni ruggenti del secolo scorso è stata presa d’assalto con le seconde case. Non per niente nelle stagioni forti (agosto e dicembre) da 3 mila residenti (sulla carta perché molti hanno residenza solo nominale) si passa a 30 mila presenze. Il turismo “tira” ancora, come si è visto appunto in agosto quando il centro del capoluogo è tornato ad essere una… camera a gas, per il traffico.

Come si vede dalla tabella che pubblichiamo (ringraziamo Sergio Rossi che si è preso la briga di compilarla) i tre centri forti del Comune (Bratto, Castione e Dorga con l’aggiunta di Rusio) sono sempre stati fermento in occasione degli appuntamenti elettorali. Sempre almeno tre liste con tre eccezioni, due che hanno portato a quattro liste nel 1997 e nel 2001 e una al ribasso con solo due liste, nel 2006.

E adesso una sola lista. Brutto segnale di aridità nell’impegno (“impegno” non si riferisce al nome dell’unica lista) amministrativo. C’è da rimpiangere i vecchi tempi. Certo, si può anche leggere in positivo, con qualche “fatica” ottimistica, nel senso che se non c’è nessun altro vuol dire che le cose vanno bene così. Ma è appunto un ottimismo della volontà, Castione attraversa come tutti un periodo che sembra aver sconvolto oltre agli entusiasmi anche la capacità o la voglia di affrontare i cambiamenti che il Covid ha soltanto accelerato. Ci sono potenzialità enormi che sono ferme da decenni (la viabilità, l’ex colonia Dalmine), finiti chissà dove i vari progetti più o meno faraonici di tangenziali, parcheggi, dependance universitarie, aspettando che i nuovi (la funivia per il Pora) abbiano gambe per essere almeno avviati concretamente. Le novità arrivano dai privati con il progetto Pora che va verso una direzione multistagionale…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 24 SETTEMBRE