CASTELLI CALEPIO – La variante alla SP91 è sparita, rimossa anche dal Pop. In bilancio 1.350.000 euro per il disastro ambientale alle Fonderie di Quintano

95

La variante alla SP91 è sparita dai radar. La tanto annunciata variante non c’è più, nel piano triennale opere pubbliche 2022-2024 approvato in consiglio comunale non c’è traccia. Finisce così uno dei punti ‘forti’ del sindaco Benini e finisce come un sogno che resta tale. Sul fronte opere pubbliche sono previste la rotatoria all’intersezione tra via dei Mille, via San Salvatore e via Falconi a Tagliuno e qui la minoranza di Castelli Calepio Cambia ha sollevato  perplessità sia sul modo in cui verrà finanziata, sia rispetto ai problemi della rete fognaria presenti nella zona, e la realizzazione di una nuova palestra polivalente in via Repubblica a Cividino. La minoranza ha fatto poi alcune precisazione sui post in merito a questo intervento: “Non vengono riproposti nel piano i lavori di adeguamento sismico dell’edificio delle scuole primarie di via XI Febbraio a Tagliuno per i quali si è rinunciato al finanziamento statale…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 6 MAGGIO

 

pubblicità