CASNIGO – Scampato alla pandemia in India, Siro Rossi vuole tornarci per aiutare la famiglia che l’ha salvato

Forse i nostri Lettori ricorderanno Siro Rossi e la sua incredibile avventura indiana dell’anno scorso, quando, bloccato dal lockown a Puri, nello stato di Orissa, aveva  visto il suo volo per l’Italia cancellato ed era stato costretto all’isolamento in un albergo, ospitalità che però tutti gli rifiutavano  considerandolo un ‘untore’….

“Non mi credevano, mi rifiutavano tutti – ci aveva raccontato – tutti mi sbattevano la porta in faccia e cominciava a salirmi la paura: cosa faccio adesso? Dove vado? Per strada vedevo scene raccapriccianti, c’erano migliaia di indiani che dovevano abbandonare la città e tentavano di raggiungere, a piedi visto che nemmeno i trasporti funzionavano più, i loro villaggi d’origine, spesso lontani migliaia di chilometri, gente che doveva abbandonare tutto e non aveva più nulla,  tanti morivano di fame per strada… La polizia era inflessibile: se si superavano i confini interni della città ti prendeva a fucilate, mentre tanti cittadini, condizionati certo anche dall’analfabetismo, dalla superstizione, dalla paura e dalla tendenza a farsi giustizia da soli, prendevano a bastonate chiunque fosse sospetto. Avevo visto persino dei contadini sbarrarmi la strada ammucchiando alberi, come se questa barriera potesse salvarli dal Covid 19…”.

Fu allora la famiglia di un suo amico, Ashok Sharma, che da anni viveva e lavorava in Austria, a salvarlo:  seppur con qualche timore l’anziana madre, Champa, la sorella Bimla, il fratello Umeshanka e i loro figli lo accolsero, sopportando la diffidenza e le minacce degli altri parenti e dei vicini che lo consideravano pericoloso.

Dopo una lunga “clausura” e mille intoppi burocratici, Siro ottenne un lasciapassare per un volo fino alla capitale, ma siccome il Governo aveva deciso di prolungare il lockdown, venne cacciato  dall’aeroporto.  Dopo alcuni giorni trascorsi per strada tra mille pericoli, riuscì finalmente a tornare a casa.

A Casnigo Siro, 60 anni, ha ricominciato a studiare..

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 2 LUGLIO