CASNIGO – Riaccesa la “ràgia che pirla” (la suggestiva raggiera dei Bugada) che ha incantato il Triduo

85

Tra le parrocchie della Valgandino, è stata   quella di Casnigo, il 26, 27 e 28 marzo scorso, a chiudere le celebrazioni del Triduo dei Morti che cadono tradizionalmente tra il febbraio e il marzo di ogni anno. Secondo gli studiosi, infatti,  il significato più profondo di questa tradizione religiosa, così come quella delle Quarantore,  va ricercato nel fatto che  “è stata istituita  ab antiquis dalla Chiesa con un duplice scopo: chiamare i fedeli alla penitenza ed alla pietà per i Defunti e, nello stesso tempo, sollecitarli a limitare l’eccesso di cibo e di bevande nonché la libertà di costumi che caratterizzavano le baldorie carnevalesche”….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 1 APRILE

pubblicità