CASNIGO – Il Panificio Giacomo Zucca: “Quasi un secolo e mezzo di passione e di creatività, il ‘panino a vela’ e la ‘Chisciöla’”, aperta dal 1880

752

Le mani in pasta da ben quattro generazioni: sono quelle del Panificio di Giacomo Zucca: un’attività di famiglia risalente nientemeno che al 1880, quando il bisnonno di Giacomo, Giuseppe, la iniziò per passarla, col tempo, al nonno, anche lui Giuseppe:

pubblicità

“1880 è la data confermata da numerosi documenti d’archivio, ma pare che, cercando bene, potremmo trovarne altri che attesterebbero una data ancora più lontana nel tempo…-afferma Giacomo -.  Io ho prelevato l’attività nel 1989, ma già da molti anni aiutavo mio padre, è un’arte, la nostra, che si tramanda sempre nella stessa famiglia…Dunque il riconoscimento di attività storica  conferitoci dalla Regione credo sia meritato e ci fa molto piacere”.

Il Panificio Zucca non è comunque nuovo ai riconoscimenti prestigiosi:

“Nel 2009 venni premiato per aver inventato la ‘Garibalda’ vincendo il concorso “Un pane per Bergamo” bandito nel 2009 dalla Camera di commercio di Bergamo che puntava a valorizzare la capacità dei panettieri bergamaschi di essere innovativi nel rispetto della tradizione e di adattarsi alle evoluzioni del gusto. La realizzai con quattro tipi di farine, in due versioni: un panino a vela dal peso di circa 100 g e una pagnotta da 500 g, facilmente affettabile, e gli esperti ne apprezzarono soprattutto il profumo ricco di aromi e il fatto che era buonissima anche dopo alcuni giorni, proprio come il pane di una volta”….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 5 AGOSTO

pubblicità