CASE DI RIPOSO – Tutte le rette delle Case di Riposo: “I vecchi che non li vuole nessuno i vecchi da buttare via” Boom di richieste per le Case di Riposo, mai in crisi. Le rette meno care in Val Seriana. In città anche 100 euro al giorno

Numeri che aumentano, ogni anno. Le case di riposo non conoscono crisi, anzi, rilanciano. A cambiare però sono gli ospiti, che quando arrivano sono sempre messi peggio: “Fino a che riescono – spiega Orazio Amboni della CGIL – stanno a casa o si appoggiano a badanti, ma chi si ammala di patologie importanti come l’Alzheimer o altre malattie viene ricoverato dai parenti e infatti è sempre più difficile trovare ospiti nelle case di riposo che giocano a briscola o che passano il tempo divertendosi. Sono sempre meno gli autosufficienti”. E le Case di Riposo come ogni azienda seguono la domanda e rilanciano offerte di servizi che vanno incontro a malati anche gravi: “Gli autosufficienti sono sempre meno – continua Amboni – e la durata del ricovero è sempre più breve, stanno cambiando tante cose, in genere sono anziani con la prevalenza di pluripatologie difficilmente gestibili”. E intanto oltre alle liste di attesa che si allungano di anno in anno c’è qualcosa che sinora era sfuggito: “E’ raddoppiato il numero dei pagamenti interi”, cioè? “Alla data del 20 marzo 2019 – continua Orazio Amboni – il numero di chi paga la quota intera, cioè senza gli accrediti è raddoppiato, solitamente i posti accreditati non hanno il costo intero, c’è una parte che paga la Regione, nel 2015 chi pagava la quota intera erano 347, ora sono 670, questi sono i cosiddetti posti di sollievo, che sulla carta sono anziani che vengono portati in casa di riposo intanto che la famiglia è via per le vacanze o non può accudirli, in realtà sono sempre di più l’anticamera per entrare a tutti gli effetti in casa di riposo e magari saltare la lista di attesa, insomma, si paga la quota intera per qualche mese e poi si resta lì con la quota di posto accreditato”. Basta dare un occhio alle rette per scoprire che le rette maggiori sono nella Bassa e in città o in posti come Sarnico e Torre Boldone. Per trovare le più economiche bisogna andare a Covo o Casnigo, Gandino, Cene e Leffe ma anche in Val di Scalve a Schilpario. Insomma, dove si spende meno è in Val Seriana e la retta più economica resta quella di Cene.

Pubblichiamo tutte le rette delle Case di Riposo della provncia

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 9 AGOSTO