CASAZZA – SS42 e il semaforo della… discordia. Il sindaco: “Non retrocediamo dalla nostra scelta, a breve una miglioria all’impianto”

Val Cavallina. Domenica pomeriggio. Ss42. Lunghe code. E forse poco, o nulla, di strano. Se non fosse che nei mesi del lockdown ci si meravigliava di una strada deserta. Così la bella stagione porta con sé il traffico, le lunghe code. E le polemiche. Al centro della discordia c’è ancora una volta il semaforo di Casazza. Code inutili e, soprattutto, evitabili? Secondo gli automobilisti la risposta è affermativa. Lo definiscono “un delirio”.

L’unica soluzione è spegnere il semaforo la domenica e i festivi e istituire il senso unico a salire verso il centro. Perché far fare ore di coda a migliaia di persone per favorire poche macchine che potrebbero uscire in tutta sicurezza alla rotonda della Nicem se vanno a Bergamo e alla rotonda di Spinone se vanno a Lovere”, spiega un automobilista….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 19 GIUGNO