CASAZZA – Il Parco di Mologno porterà il nome dei volontari di Casazza e di Armando Raineri

356

È arrivata dai banchi di minoranza la richiesta di dare un nome al Parco di Mologno. Non un nome qualsiasi, ma quello di Armando Raineri, che per anni è stato anima e corpo di quello spazio verde tanto amato dai cittadini.

L’interpellanza firmata dal consigliere Ettore Cambianica, ma condivisa da tutta la minoranza, è arrivata all’ultimo consiglio comunale: “Armando tanto si è prodigato per tenere in ordine, pulito ed accogliente questo spazio pubblico. Ha speso gran parte del suo tempo a favore di tutta la comunità di Casazza in molteplici attività di volontariato e da anni si occupava e seguiva personalmente il parco di Mologno prendendosene cura amorevolmente come se fosse stato suo. Questa mia richiesta credo sia sentita e condivisa da tutto il nostro paese per il quale ha sempre dato il suo contributo volontario rendendosi sempre disponibile ad aiutare ed intervenire per qualsiasi necessità. Questo è un dovere nei confronti di una persona che ha fatto molto per il nostro paese, così come è avvenuto anche ad un’altra illustre persona del paese, alla quale è stato intitolato il parco Adalberto Trapletti nella zona delle scuole medie”.

La richiesta è stata accolta dal sindaco Sergio Zappella: “Nel programma delle attività culturali del Comune per gli anni 2021-2022 è prevista l’intitolazione di alcuni luoghi pubblici. Un’opportunità per richiamare la popolazione ai valori civili e per arricchire di significato gli spazi comuni. L’intenzione è di far coincidere le intitolazioni con alcune delle iniziative culturali in calendario, proposta che è già stata portata ai tavoli organizzativi degli eventi. La richiesta del consigliere Cambianica incontra quindi una linea di indirizzo già avviata entro cui accogliamo con favore l’opportunità di dare un segno di riconoscimento alla figura e all’operato del compianto Armando Raineri. Come suggerisce l’iter di legge in merito alla toponomastica le istanze per l’intitolazione non sono questioni di secondaria importanza, per compiere scelte ben ponderate occorrono tempi di valutazione ben adeguati che tengano conto di diversi fattori tra cui per esempio il parere dei familiari che sta necessariamente a monte del processo di intitolazione e che nel caso specifico…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 7 MAGGIO

pubblicità