CASAZZA – Casazzesi divisi sui maiali: “Cose da pazzi”. “Ben vengano, se portano soldi. E poi a tutti piacciono i salumi”

711

Bar nel centro di Casazza. Seduti ad un tavolino, un uomo e una donna sfogliano il nsotro giornale. Lui si sofferma su uno degli articoli dedicati a Casazza, dal titolo: “Confermate le voci sull’allevamento di maiali. Totis: ‘Noi non possiamo farci niente”.

Mentre bevo il cappuccino, lancio un’occhiata verso di loro. E, infatti, i due cominciano a discutere dell’arrivo di 600 (o mille?) maiali in una stalla presente sul territorio comunale. Le indiscrezioni lanciate da Araberara nei mesi scorsi, sulla base di due lettere giunte in redazione, sono infatti state confermate dal vicesindaco Renato Totis. La signora sbotta: “Cose da pazzi. Chissà che puzza faranno tutti quegli animali…”. Lui la guarda e dice semplicemente: “Mah…”. Nel tavolo vicino c’è un altro signore. Si capisce che sono in confidenza e infatti interviene subito contraddicendo la donna. “Ben vengano i maiali, se portano soldi. D’altronde bisogna pur lavorare. E poi – sorride – a tutti piacciono i salumi…”. La discussione continua ancora per qualche minuto, poi l’attenzione passa sull’elezione di Mattarella e sul calciomercato (su quest’ultimo argomento sono solo i due uomini a parlare).

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 4 FEBBRAIO

pubblicità